Google+

Cerca nel blog

martedì 2 settembre 2014

PROVERBI DIALETTALI E MODI DI DIRE 2! CHE RIDERE...

CONDIVIDI!
FAI SORRIDERE I TUOI AMICI BARESI .. E NON!

-L'acque iè ppicche é lla pàbbere non gallégge 
("L'acqua è poca e la papera non galleggia"; usato per indicare una qualsiasi intenzione che non può andare avanti per mancanza di possibilità)

-Iè bbèlle la pulizzìe, disse cudde ca se 'mbelò le metánde á ll'ammèrse!!! 
(È un sollievo essere puliti, disse colui che indossò le mutande al contrario)

-u vove disce chernúte o' ciùcce!!! 
(Il bue dice cornuto all'asino)

-V'á ppígghie á sckáffe le marànge pe' falle devendá russe!!! 
(Va' a prendere a schiaffi le arance per farle diventare rosse)

-Si scangiáte cazze pe' fecàzze é chegghiúne pe' llambasciúne!!! ("Hai scambiato cazzi per focacce e coglioni per lampascioni"; ossia: hai preso fischi per fiaschi)

-L'òmene da lla tèrre vène é á lla tèrre se ne va/vé 
(L'uomo dalla terra viene e alla terra va)

-Ognúne tire acque á lla via soie! 
(Ognuno tira l'acqua al suo mulino)

-Arreváte á lla quarandíne lasse la fémmene pe' lla candíne!
(Arrivato ai quarant'anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici)

-Le díscete de lla mane non sò tutte uále 
(Le dita della mano non sono tutte uguali)

-á ll'òmene sènze varve é á lle fémmene sènze fìgghie, non zi scénne né ppe' ppiacére né ppe' cchenzìe 
("A giovani imberbi e a donne senza figli non andare né per piacere né per chiedere consigli"; non hanno esperienza)

-Na porte s'achiúte é ccinde se iàbbrene 
(Una porta si chiude e cento se ne aprono)

-u cemmerúte che lle gamme settíle, non iè òmene pe' ffá le fìgghie! 
(Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli)

-Nesciúne zèppe iè dritte! 
("Nessuno zoppo è dritto"; ossia: chi ha difetti fisici ha difetti nell'animo)

-òmene pelúse òmene ferzúse! 
(Uomo peloso uomo forte)

-u lénghe iè bbuène á ccògghie fiche, é u curte pe' mmaríte! 
(L'uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito)

-u muèrte iè mmuèrte, penzáme á lle vive! 
(Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi)

-Ce tratte s'mbratte! 
(Chi tratta si sporca)

-Nesciúne nasce 'mbaráte! 
(Nessuno nasce istruito)

-Ce non vole fá nu chelòmetre ne fasce du! 
(Chi non vuole fare un chilometro ne percorre due)

-u sàzie non gréde o' desciúne! 
(Il sazio non crede all'affamato)

-Non ze scecúte iìnd'o' piátte addó si strafequáte! 
("Non sputare nel piatto dove hai mangiato a sazietà"; usato per chi parla male di qualcosa che gli ha permesso di vivere, ad es. un vecchio posto di lavoro)

-Ce Criste vole: arròste l'ove! 
("Se Cristo vuole arrostisce le uova"; ovvero: se Dio vuole può tutto, perfino arrostire le uova, cosa decisamente impossibile)

-Na paròle iè picche é ddo so' assà!
("Una parola è poca e due sono troppe"; usato per dire a chi parla troppo, di stare zitto)

-Iapre l'ècchie, c'á achiùderle non 'nge vòle nudde! 
("Tieni gli occhi aperti, perché a chiuderli non ci vuol niente"; ovvero: sta' in guardia ché ti può succedere una disgrazia)

-Mègghie nu quindále 'nguédde ca nu quinde 'ngule! 
(Meglio un quintale sulle spalle che un quinto (=200g) nel deretano)

-Na paròle de méne retírte á ccaste !
("Una parola di meno e tornatene a casa"; corrisponderebbe all'italiano "La parola è d'argento ma il silenzio è d'oro")

-L'àcque ca non a fatte, 'ngile stá! 
("La pioggia che non è caduta è ancora in cielo"; ovvero: quello che ci si aspetta possa succedere, probabilmente succederà)

-Ci sparte, iave la mègghia parte! 
(Chi ripartisce qualcosa tra molti, tiene la parte migliore per sé)

-La fìgghia mute la mamme la 'ndènde! 
(La madre capisce la figlia anche quando questa è muta)

-Sande Necóle iè amánde de le frastìre! 
("San Nicola è amante dei forestieri"; ovvero: Bari città aperta a tutti)

-La sembatì iè pparènde á lla gocce! 
(Così come la goccia (di pioggia, rugiada etc.) cade dove vuole, così l'affinità si genera senza la necessità di obbedire a leggi di causa ed effetto)

-Onne fernúte le timbe de le còppue longhe! 
("I tempi dei berretti calati sugli occhi, sono finiti"; frase utilizzata per indicare il cambiamento dei tempi)

-u curte non arríve é u frásceche non ammandène! 
("Ciò che è corto non arriva e ciò che è marcio non regge"; espressione per stigmatizzare atteggiamenti di irresolutezza)

-La gocce á lla rocce: «Timbe 'nge vòle, ma te fàzzeche u bbuche»! 
("La goccia dice alla roccia: «Ci vuole tempo, ma il buco te lo faccio»")

-Ce uè frecá u vecíne t'ad'á alzá sùbete la matíne!
("Se vuoi fregare il tuo vicino devi alzarti presto al mattino")


Continua....


Dimmi se ti è piaciuto...