Google+

Cerca nel blog

mercoledì 31 dicembre 2014

COSA TI AUGURO......


sabato 27 dicembre 2014

BARZELLETTA DI "COLINE & GIUANNE ALL'IPERCOOP"

DI NOSTRA PRODUZIONE PER TE, PAESA'!


BY LOCOTONY

martedì 2 settembre 2014

PROVERBI DIALETTALI E MODI DI DIRE 2! CHE RIDERE...

CONDIVIDI!
FAI SORRIDERE I TUOI AMICI BARESI .. E NON!

-L'acque iè ppicche é lla pàbbere non gallégge 
("L'acqua è poca e la papera non galleggia"; usato per indicare una qualsiasi intenzione che non può andare avanti per mancanza di possibilità)

-Iè bbèlle la pulizzìe, disse cudde ca se 'mbelò le metánde á ll'ammèrse!!! 
(È un sollievo essere puliti, disse colui che indossò le mutande al contrario)

-u vove disce chernúte o' ciùcce!!! 
(Il bue dice cornuto all'asino)

-V'á ppígghie á sckáffe le marànge pe' falle devendá russe!!! 
(Va' a prendere a schiaffi le arance per farle diventare rosse)

-Si scangiáte cazze pe' fecàzze é chegghiúne pe' llambasciúne!!! ("Hai scambiato cazzi per focacce e coglioni per lampascioni"; ossia: hai preso fischi per fiaschi)

-L'òmene da lla tèrre vène é á lla tèrre se ne va/vé 
(L'uomo dalla terra viene e alla terra va)

-Ognúne tire acque á lla via soie! 
(Ognuno tira l'acqua al suo mulino)

-Arreváte á lla quarandíne lasse la fémmene pe' lla candíne!
(Arrivato ai quarant'anni lascia la compagnia delle donne e frequenta quella degli amici)

-Le díscete de lla mane non sò tutte uále 
(Le dita della mano non sono tutte uguali)

-á ll'òmene sènze varve é á lle fémmene sènze fìgghie, non zi scénne né ppe' ppiacére né ppe' cchenzìe 
("A giovani imberbi e a donne senza figli non andare né per piacere né per chiedere consigli"; non hanno esperienza)

-Na porte s'achiúte é ccinde se iàbbrene 
(Una porta si chiude e cento se ne aprono)

-u cemmerúte che lle gamme settíle, non iè òmene pe' ffá le fìgghie! 
(Il gobbo con gambe sottili non è uomo idoneo per fare figli)

-Nesciúne zèppe iè dritte! 
("Nessuno zoppo è dritto"; ossia: chi ha difetti fisici ha difetti nell'animo)

-òmene pelúse òmene ferzúse! 
(Uomo peloso uomo forte)

-u lénghe iè bbuène á ccògghie fiche, é u curte pe' mmaríte! 
(L'uomo alto è buono per cogliere fichi, il basso è buono come marito)

-u muèrte iè mmuèrte, penzáme á lle vive! 
(Il morto è morto, ora pensiamo ai vivi)

-Ce tratte s'mbratte! 
(Chi tratta si sporca)

-Nesciúne nasce 'mbaráte! 
(Nessuno nasce istruito)

-Ce non vole fá nu chelòmetre ne fasce du! 
(Chi non vuole fare un chilometro ne percorre due)

-u sàzie non gréde o' desciúne! 
(Il sazio non crede all'affamato)

-Non ze scecúte iìnd'o' piátte addó si strafequáte! 
("Non sputare nel piatto dove hai mangiato a sazietà"; usato per chi parla male di qualcosa che gli ha permesso di vivere, ad es. un vecchio posto di lavoro)

-Ce Criste vole: arròste l'ove! 
("Se Cristo vuole arrostisce le uova"; ovvero: se Dio vuole può tutto, perfino arrostire le uova, cosa decisamente impossibile)

-Na paròle iè picche é ddo so' assà!
("Una parola è poca e due sono troppe"; usato per dire a chi parla troppo, di stare zitto)

-Iapre l'ècchie, c'á achiùderle non 'nge vòle nudde! 
("Tieni gli occhi aperti, perché a chiuderli non ci vuol niente"; ovvero: sta' in guardia ché ti può succedere una disgrazia)

-Mègghie nu quindále 'nguédde ca nu quinde 'ngule! 
(Meglio un quintale sulle spalle che un quinto (=200g) nel deretano)

-Na paròle de méne retírte á ccaste !
("Una parola di meno e tornatene a casa"; corrisponderebbe all'italiano "La parola è d'argento ma il silenzio è d'oro")

-L'àcque ca non a fatte, 'ngile stá! 
("La pioggia che non è caduta è ancora in cielo"; ovvero: quello che ci si aspetta possa succedere, probabilmente succederà)

-Ci sparte, iave la mègghia parte! 
(Chi ripartisce qualcosa tra molti, tiene la parte migliore per sé)

-La fìgghia mute la mamme la 'ndènde! 
(La madre capisce la figlia anche quando questa è muta)

-Sande Necóle iè amánde de le frastìre! 
("San Nicola è amante dei forestieri"; ovvero: Bari città aperta a tutti)

-La sembatì iè pparènde á lla gocce! 
(Così come la goccia (di pioggia, rugiada etc.) cade dove vuole, così l'affinità si genera senza la necessità di obbedire a leggi di causa ed effetto)

-Onne fernúte le timbe de le còppue longhe! 
("I tempi dei berretti calati sugli occhi, sono finiti"; frase utilizzata per indicare il cambiamento dei tempi)

-u curte non arríve é u frásceche non ammandène! 
("Ciò che è corto non arriva e ciò che è marcio non regge"; espressione per stigmatizzare atteggiamenti di irresolutezza)

-La gocce á lla rocce: «Timbe 'nge vòle, ma te fàzzeche u bbuche»! 
("La goccia dice alla roccia: «Ci vuole tempo, ma il buco te lo faccio»")

-Ce uè frecá u vecíne t'ad'á alzá sùbete la matíne!
("Se vuoi fregare il tuo vicino devi alzarti presto al mattino")


Continua....


PROVERBI DIALETTALI E MODI DI DIRE 3!

Caro lettore,
ed eccola qui, finalmente! La nostra "Raccolta di proverbi e modi dire baresi", tradotti giocosamente e "prisciosamente" in italiano, arrivata alla 2^Edizione, scaricabile da ora, nientepopodimeno che ... su AMAZONGratis per 5gg dal 08 al 12 Ottobre 2016, cliccando sulla copertina qui in basso!

 

Ma ora, un breve video di presentazione:
 

Ma buttiamoci tra i proverbi baresi, iniziate a ridere e magari penserete di poter scaricare la nostra PRIMA OPERA!
Buon divertimentooooo....

-Capo! = Ehi, ragazzo!
-U mèste! = Maestro!
-Ce uè? = Che vuoi?
-Ci iè? = Che c'è?
-Se volde é ddisce... = Si volta (nel senso di 'interviene') e dice...
-St'á pparle o st'á mmùve le récchie? = Stai parlando o muovendo le orecchie? (Stai dicendo sul serio?)
-Á cci?! = A chi?!!
-Ca ci! = "E che ti credi!" come dire: "e che pensavi?"
-Statte citte! = Sta' zitto!
-Ce ne sacce = Che ne so!, boh!
-Ma vattínne, va! =Va' via! (anche per indicare dissenso o incredulità:"Ma dai!")
-Madó! = Madonna! Esclamazione molto usata per qualsiasi espressione di sorpresa, positiva o negativa.
-Moh = (da non confondersi con mo=adesso). Usato come intercalare per qualsiasi espressione di sorpresa, positiva o negativa. Più probabile che derivi dal troncamento di mocche, mmocche: "in bocca", esclamazione sgarbata usata per altro spesso a significare "accidenti a ...". Per esempio mocche a màmmete, mocche á lla razza toje, ecc.
-Mè/Émmè? = Embè? (Ebbene?)
-Mè/Émmè! = E dai!, suvvia!
-Ce iòre so'? = Che ore sono?
-Mocche á cchi t'è bive! = letteralmente: "mannaggia a chi ti è vivo!" (espressione usata nei più vari contesti per sottolineare un'azione o una frase notevole)
-Mocche á chi t'è murte! = letteralmente: "mannaggia a chi ti è morto!" (usata nei momenti di rabbia contro qualcuno o nei più vari contesti per sottolineare un'azione o una frase notevole di taluno). Spesso ridotta al solo Chi t'è mmurte!.
-Auánde!/Auánde á Peppíne! = letteralmente: "agguanta!(acchiappa)/agguanta Peppino!" (frase usata nello stesso senso dell'espressione italiana "attento!")
-Sanda Lecì! = letteralmente: "Santa Lucia!" (si utilizza quando un oggetto che si sta cercando e non si riesce a trovare lo si ha davanti agli occhi)
-Ou! = intercalare caratteristico di chi vuole attirare l'attenzione altrui ("Ehi!").
-Nah!!, Iih!! = espressioni di sorpresa, incredulità o meraviglia.
-Uè remmáte!!! = italianizzato "ehi rimmato", ossia "immondizia, rifiuto". Qui è usato come insulto.
-Mamma méje!!! = Mamma mia!!!
-Si ttaráte! = Sei tarato!
-Si pròpie d'u iune! = Sei proprio "dell'uno", cioè "tarato", "cretino". Derivante dall'idea che i ragazzi nati nel 1901 fossero troppo giovani per essere arruolati nella prima guerra mondiale e troppo vecchi essere soldati nella seconda, e quindi buoni a niente.
-Aué!!... = esclamazione sguaiata usata tipicamente per attirare l'attenzione in modo sgarbato
-T'i á da le scecáffe á ddu á ddu fine á quanne non devèndene dìspere!!! = "Ti tiro i ceffoni a due alla volta fino a che non diventano dispari"
-Ce se disce? "Ca le sarde se mángene l'alísce!" = "Cosa mi racconti?" "Che le sarde si mangiano le alici!" (in altri termini "Nulla di particolare"). L'efficacia della risposta risiede nella rima, presente nella versione originale.
-T'i á uanná = Ti prenderò
-Va á sscazze le rizze c'u cule = "Va' a schiacciare i ricci di mare col sedere" (taci che stai dicendo stupidaggini)
-Oh, ce? Te st'á ffasce brutte? = Che c'è? ti stai arrabbiando? (diventando brutto, faccia cattiva)
-Aué Toníne, ma se pote sapé ce ccose st'á fasce? = Antonio, si può sapere cosa stai facendo?
-Mechèle, ma addó te jàcchie? = Michele... ma dove ti trovi?
-Mechèle iè ccome á Catácchie: mo t'u vide é mmo non u iàcchie = Michele è come Catacchio (cognome barese): in un momento ce l'hai davanti, un momento dopo non lo trovi più. Esprime la personalità sfuggente di Michele.
-Giuánne si ppròpie nu puèrche = Giovanni sei proprio un maiale
-Ué, facce de du novèmbre/nuvèmbre!! (letteralmente: "faccia da due novembre", ovvero faccia estremamente triste o brutta)
-Mo seggnoríne, stá chine u autobùsse! (letteralmente: "accidenti signorina, sta pieno l'autobus", ovvero "il tuo seno prosperoso!")
-Mo uagnùne stogghe á ttrémíle!! (letteralmente: "ragazzi, sono a tremila!!", ovvero: "amici, sono al massimo dell'euforia!")
" Ad'á ffá 'ngule!" "Devi lavorare!"
-Recchióne = dispregiativo per omosessuale.
-Ma vaffangúle = (ma vaffanculo)
-'ndo sta/sté l'aragóste? / pombe la pomb/pomb u nosce'? (letteralmente: indurisce l'aragosta? ovvero: sei sessulamente attivo?)
-aggírete de facce percé de cule già te sacce (mostra il tuo viso perché il tuo sedere già lo conosciamo)
Ed infine,
-Tremó/Tremóne= trimone (espressione particolarmente volgare che indica la masturbazione maschile) (

Continua....


PROVERBI DIALETTALI E MODI DI DIRE...

CONDIVIDI!
FAI SORRIDERE I TUOI AMICI BARESI .. E NON!

-É ìune! Disse cudde ca cecabbe l'ècchie alla megghière 
(E uno!... disse quello che ciecò un occhio alla moglie)

-Mazze/Mazzáte é panèdde fáscene le fìgghie bèdde/bèlle; panèdde sènze mazze fáscene le fìgghie pazze/stanghe 
(Bastone e pane fanno i figli garbati, pane senza bastone rende i figli sgarbati/stanchi)

-U Attán'etèrne da u pane á cci non dène le dinde! 
(Il padreterno dà il pane a chi non ha i denti)

-Ce ttène pane non tène dinde, ci ttène dinde non tène pane 
("Chi ha il pane non ha i denti, chi ha i denti non ha il pane"; cioè: ad ognuno manca qualcosa che ha l'altro)

-Ce scecúte 'ngile 'nbacce te vène 
(Non sputare in cielo, poiché ti tornerà in faccia)

-La cére se strúsce  e la breggessióne non gamíne 
("La cera (delle candele) si consuma e la processione non va avanti"; cioè: Le risorse si consumano, ma il risultato non si vede)

-Sciáme á scettá u remmáte!
(Andiamo a buttare l'immondizia)

Continua....

POLIGNANO A MARE...



PROVERBI DIALETTALI A VOLONTA'.....

CONDIVIDI!
FAI SORRIDERE I TUOI AMICI BARESI .. E NON!

-Nu tuffe do, nu tuffe dè, finghé á lla fine 'nge l'am'á ffá (Riusciremo con calma)


-Ce 'nge n'am'á sscí, sciamanínne, ce non 'nge n'am'á sscí, non 'nge ne sime scénne! 
("Se ce ne dobbiamo andare andiamocene, se non ce ne dobbiamo andare non ce ne andiamo"; scioglilingua per provare la "baresità" di un soggetto)

-U pulpe se cosce iìnde all'acqua sò! 
(Il polpo si cucina nella sua acqua)

-Dalle é ddalle, se chièche u firre 
(Dai e dai, anche il ferro si piega, chi la dura la vince)

-Si ffatte la fegúre tò! 
(Hai fatto la tua figura)

-Facíme la fine de le scarciòffe 
(Facciamo la fine dei carciofi)

-Avíme fatte trénde, facíme tréndúne 
(Abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno)

-Si ccadúte da sope/suse o' litte 
(Sei caduto da sopra il (lett. "al") letto)

-Passáte u sande passáte la fèste! 
(Ogni cosa a suo tempo)

-Ammandíneme ca t'ammandénghe! 
(Mantienimi che ti mantengo)

-Stame sotte o' cile! 
(Siamo sotto il -lett. "al"- cielo;)

Continua....


lunedì 1 settembre 2014

PROVERBI DIALETTALI, COMPILATION...IHIHIH

VAI CON LA CARRELLATA DI PROVERBI PIU' O MENO FAMOSI:

-Fortúne é ccazze 'ngule biáte á cce ll'àve 
(Tradotto letteralmente: Fortuna e cazzo in culo beato a chi ce l'ha, cioè, essenzialmente, vuol dire Beato a chi ha fortuna in tutto)

-O chiòve o amméne u vìnde, á nnú 'nge ne fréche nudde/ninde 
(O piove o tira vento, non ce n'importa niente; cioè Andiamo avanti senza pensare a tutte le difficoltà)

-Stipe ca truve 
(Conserva che così trovi)

-La carna triste non la vòle né u diàue é mmanghe Criste 
(La "carne triste", ossia la cattiva gente, non l'accetta ne il Diavolo e nemmeno Cristo)

-Ce bbèlle uè pare u uèsse pezzídde t'av'á ddue 
(Se bello vuoi apparire, l'osso sacro ti deve dolere)

-Sanda Tarèse pagò pe' ssènde é jji sèndeche nudde 
(letteralmente: "Santa Teresa pagò per sentire e io sento gratis"; ossia: è meglio che taci poiché dici fesserie)

-U tavúte non dène le palde 
("La bara non ha tasche"; ovvero: una volta morto i soldi non servono)

CONDIVIDI E FAI SORRIDERE I TUOI AMICI BARESI .. E NON!



giovedì 28 agosto 2014

PROVERBIO CELEBRATIVO....

VISTO CHE ABBIAMO INIZIATO UN NUOVO BUSINESS SULL'ORO FISICO, PROPONIAMO UN PROVERBIO IDONEO ALLA CIRCOSTANZA:



INFORMAZIONI SU WWW.THANKSTOINTERNET.COM .



lunedì 18 agosto 2014

venerdì 31 gennaio 2014

I GIOCHI DEL NOSTRO PASSATO....IN STRADA!

IùNE MONDE LA LUNE...



Era come il gioco della cavallina, ogni turno era numerato, uno "stava sotto" piegato e gli altri saltavano: 
1-u' monde e la lune; 
2- mondi blu; 
3 - la zita mè; 
4 - batt' mane a vole; 
5 - le chettùgne; 
6 - la padoletta a vole (americana); 
7 - l'incrocio a tre passe d'u re; 
8 - fagotte; 
9 - spemute di aranc' e lemòne; 
10 - paste e ccigere...
...e poi non ricordo più. almeno io ci giocavo così, ma penso che ci siano diverse versioni...
Tony LOCORRIERE

giovedì 30 gennaio 2014

I GIOCHI DEL NOSTRO PASSATO

SGUÌNGE...Quando ancora non vi era la Playstation!

Bisognava essere almeno in sei. infatti si dovevano formare due squadre di non meno di tre elementi. "Cu tecche" si decideva chi andava sotto e chi sopra. La squadra che andava sotto collocava un elemento poggiato di spalle al muro ( U' chescine) e gli altri due gli si ponevano davanti chinati e agganciati, con la testa del primo poggiata ala pancia del cuscino. La squadra che andava sopra, uno per volta, ma contemporaneamente, doveva saltare e montare su quella specie di lungo cavallo, reggendosi alla meglio e cercando di resistere il più possibiie. e qui cominciava la resistenza e si decideva la sorte del gioco. Se uno dei giocatori di sopra, perdeva l'equilibrio e metteva un piede a terra, si ricominciava invertendo i ruoli; se invece uno della squadra di sotto "sconocchiava" sotto il peso degli avversari crollando al suolo, il gioco si ripeteve con gli stessi ruoli. Accadeva però di frequente che qualche altro ragazzo escluso dal gioco o di un gruppo "nemico", per dispetto si lanciava sul gruppo intento a resistere e faceva crollare tutti per terra ponendo fine al gioco.
 

lunedì 13 gennaio 2014

UN REGALO PER TE!

Essendo il Sito essenzialmente a scopo divulgativo del nostro pregiatissimo Dialetto, ho ideato questo articolo per farvi un regalo, quale? 

Questo:



La mia prisciosa, esilarante e divertentissima 
"RACCOLTA DI PROVERBI E MODI DI DIRE" tutti rigorosamente in dialetto e tradotti in italiano in maniera nuova e coinvolgente. Sono sicuro che diverrà un simpatico modo per trascorrere serate con amici e familiari, in maniera completamente unica.

Come devi fare per averla? 
Semplice, vai sulla pagina "REGALO PER TE" di questo sito, inserisci il solo tuo nome e la tua mail ed il gioco è fatto! Potrai scaricarlo su smartphone e tablet, così da portartelo sempre con te...

Quanto costa?? 
E' GRATISSSSSSS....Iè Ndune! 

Fammi sapere se ti è piaciuta, commentando qui in basso, grazie!

Locotony

Dimmi se ti è piaciuto...